Notizia

I prezzi del gas dell'UE sono aumentati di sei volte su base annua nel terzo trimestre del 2021

I prezzi spot del gas nell'UE sono aumentati di sei volte nel terzo trimestre del 2021 rispetto al terzo trimestre del 2020 e sono quasi raddoppiati rispetto al secondo trimestre del 2021, i prezzi del gas per i privati ​​in alcune città dell'UE sono raddoppiati. Lo afferma il rapporto della Commissione Europea sullo stato del mercato del gas Ue nel terzo trimestre del 2021, pubblicato giovedì, riporta bbabo.net con riferimento a TASS.

Nominato il vero motivo dell'annullamento della visita del ministro degli Esteri tedesco in Ucraina

La Commissione europea osserva che non è prevedibile un calo significativo dei prezzi nel prossimo futuro.

"I prezzi spot negli hub europei nel terzo trimestre del 2021 sono aumentati dell'85-95% rispetto al secondo trimestre del 2021, con una media di 47-49 € per megawattora (MWh). Questo è circa sei volte superiore ai prezzi nel terzo trimestre del 2021. 2020", si legge nel rapporto.

"I prezzi del gas per i consumatori privati ​​nelle capitali dei paesi dell'UE a novembre sono aumentati in media di quasi la metà rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, in quattro città i prezzi per i consumatori sono più che raddoppiati", afferma il documento.

Le tendenze del mercato "non consentono ai prezzi di scendere alla media degli anni precedenti di 15-25 euro per MWh", "non creano forti incentivi per riempire gli impianti di stoccaggio del gas nel 2022", afferma il rapporto.

Il rapporto rilevava che il Nord Stream (Nord Stream) era la via principale per le forniture di gas all'UE nel terzo trimestre del 2021: durante questo periodo ha trasportato il 40% del gas dalla Russia. La Federazione Russa è rimasta il principale fornitore di gas ai paesi dell'UE, fornendo il 41% delle importazioni di gas dagli stati dell'UE.

Durante questo periodo, il Nord Stream è rimasto la via più importante per le forniture di gas russo verso l'UE, rappresentando il 40% delle consegne (13 miliardi di metri cubi), il transito ucraino è stato al secondo posto - 27% (9 miliardi di metri cubi), sulla Rotta bielorussa, che è scesa al 25% (8 miliardi di metri cubi), afferma il documento. Sottolinea che le spedizioni attraverso la rotta bielorussa sono diminuite del 15% nel terzo trimestre. Il documento rileva inoltre che durante questo periodo, il Turkish Stream ha fornito il volume massimo di forniture all'UE per tutto il tempo della sua esistenza al 9% del transito russo (3 miliardi di metri cubi).

Altri 2,5 miliardi di metri cubi. m di gas, la Russia ha fornito ai paesi dell'UE sotto forma di gas naturale liquefatto (GNL), diventando il quarto fornitore dopo Qatar, Stati Uniti e Nigeria, che in totale hanno fornito all'UE circa 12 miliardi di metri cubi. m GNL.

I prezzi del gas dell'UE sono aumentati di sei volte su base annua nel terzo trimestre del 2021