Notizia

Perché si è verificata un'interruzione di corrente in tre paesi dell'Asia centrale contemporaneamente

Si dice che un sovraccarico su una linea di transito in Kazakistan sia la causa dell'interruzione di corrente in tre paesi dell'Asia centrale contemporaneamente.

Macron è atteso alla Casa Bianca - Psaki

Il 25 gennaio si sono verificate interruzioni di corrente in Uzbekistan, Kirghizistan e Kazakistan. A Tashkent, il Kazakistan è accusato del fallimento, mentre ad Alma-Ata, gli ingegneri elettrici dell'Uzbekistan e del Kirghizistan sono considerati tali.

Secondo il ministro dell'Energia del Kirghizistan, Doskul Bekmurzaev, citato da RIA Novosti, il fallimento nell'anello energetico dell'Asia centrale è stato senza precedenti: non si sono mai verificati incidenti di questa portata nella regione.

Allo stesso tempo, va tenuto conto del fatto che attualmente l'anello energetico dell'Asia centrale (CA) comprende solo tre paesi. Inizialmente, il programma di approvvigionamento energetico per la regione, sviluppato negli anni '80 del XX secolo, comprendeva anche il Tagikistan e il Turkmenistan. L'anello energetico comprendeva 83 centrali elettriche, che hanno permesso di bilanciare le fluttuazioni stagionali della domanda di energia elettrica e quella di acqua per i lavori agricoli. Il Kazakistan e l'Uzbekistan, dipendenti dall'approvvigionamento idrico del Kirghizistan e del Tagikistan per l'irrigazione, hanno fornito petrolio, gas e carbone al Tagikistan e al Kirghizistan a prezzi preferenziali e, a loro volta, non hanno fatto funzionare le turbine dell'HPP a pieno regime durante il periodo in cui era richiesto dai contadini.

Nel primo decennio del nostro secolo, l'anello energetico è crollato, i paesi si sono diretti verso l'approvvigionamento energetico autonomo. Ma, come si è scoperto, ciò ha portato a grandi perdite finanziarie e interruzioni nella fornitura di elettricità alla popolazione e all'industria.

Il lavoro dell'anello energetico ha iniziato a essere ripristinato nel 2014. Alla fine del 2021, la decisione di tornare al sistema energetico unificato è stata presa dal Tagikistan, che rappresenta la maggior parte del potenziale idroelettrico totale dell'Asia centrale. È possibile che se ciò fosse stato fatto prima, il blackout del 25 gennaio non si sarebbe verificato.

Se parliamo della Russia, allora è collegata alla parte settentrionale del sistema energetico del Kazakistan e l'anello energetico dell'Asia centrale cattura la parte meridionale del paese. Pertanto, il nostro Paese non ha potuto fornire assistenza nella fornitura di energia alle regioni rimaste senza elettricità. Esportiamo e importiamo elettricità dal Kazakistan. Nel 2021, per 9 mesi, l'esportazione di elettricità russa è stata di 1,17 miliardi di kWh e l'importazione di 1,02 miliardi di kWh.

Perché si è verificata un'interruzione di corrente in tre paesi dell'Asia centrale contemporaneamente