Notizia

Sfidando l'Occidente, Putin ordina truppe nelle regioni ribelli dell'Ucraina

MOSCA: Lunedì il presidente Vladimir Putin ha ordinato alle truppe russe di entrare in due regioni ribelli dell'Ucraina sostenute da Mosca, sfidando le minacce occidentali di sanzioni in una mossa che potrebbe scatenare una guerra potenzialmente catastrofica con Kiev.

Australia - La revisione della difesa verrà rilasciata al più presto, afferma Marles

In precedenza, il leader del Cremlino aveva riconosciuto l'indipendenza di due aree controllate dai ribelli delle regioni ucraine di Donetsk e Lugansk, aprendo la strada a un'operazione per schierare parte della potenziale forza d'invasione che ha ammassato in tutto il paese.

In due decreti ufficiali, Putin ha incaricato il ministero della Difesa di assumere "la funzione di mantenimento della pace" nelle regioni di Donetsk e Lugansk. Negli stessi documenti, Putin ha anche ordinato al suo ministero degli Esteri di "stabilire relazioni diplomatiche" con le "repubbliche".

Il riconoscimento delle repubbliche separatiste, che formano un'enclave detenuta dai ribelli sostenuti dalla Russia dal 2014, ha innescato la condanna internazionale e la promessa di sanzioni mirate da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Europea, con un pacchetto più ampio di punizioni economiche in arrivo nel caso di invasione.

Dopo una raffica di telefonate, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno avvertito che la mossa di Mosca "non sarebbe rimasta senza risposta".

Il leader degli Stati Uniti ha anche promesso al suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky che Washington si è impegnata per "l'integrità territoriale" dell'Ucraina.

A Kiev, Zelensky ha convocato una riunione del suo consiglio di sicurezza nazionale e avrebbe dovuto tenere un discorso più tardi nella notte.

In precedenza, in un discorso nazionale televisivo di 65 minuti spesso arrabbiato dal suo ufficio del Cremlino, Putin ha inveito contro l'ex vicino sovietico della Russia, l'Ucraina, definendola uno stato fallito e un "fantoccio" dell'Occidente, suggerendo ripetutamente che faceva essenzialmente parte della Russia.

Ha accusato le autorità di Kiev di perseguitare i russofoni e di aver preparato una "guerra lampo" contro le regioni separatiste di Donetsk e Lugansk nell'est dell'Ucraina.

"Per quanto riguarda coloro che hanno preso e detengono il potere a Kiev, chiediamo la fine immediata delle loro operazioni militari", ha detto Putin.

"Altrimenti, tutte le responsabilità per la possibile continuazione dello spargimento di sangue ricadranno pienamente sulla coscienza del regime al potere in Ucraina".

Putin ha affermato che è necessario "prendere una decisione attesa da tempo, per riconoscere immediatamente l'indipendenza" delle due regioni.

L'UE "reagirà con sanzioni"

Il riconoscimento pone effettivamente fine a un piano di pace già traballante nel conflitto separatista, che va avanti dal 2014, dopo che Mosca ha annesso la Crimea all'Ucraina, e ha provocato più di 14.000 morti.

La Russia ora schiererà truppe con il supporto di funzionari separatisti e l'Ucraina dovrà ora accettare la perdita di un'enorme fetta di territorio o affrontare un conflitto armato contro il suo vicino di gran lunga più potente.

La mossa ha attirato l'immediata condanna dell'Occidente, con il primo ministro Boris Johnson che l'ha definita "una flagrante violazione della sovranità e dell'integrità dell'Ucraina" e il ministro degli Esteri Liz Truss che ha dichiarato: "Domani annunceremo nuove sanzioni alla Russia".

I capi dell'Ue Ursula von der Leyen e Charles Michel hanno promesso che il blocco "reagirà con sanzioni contro coloro che sono coinvolti in questo atto illegale".

Putin ha detto lunedì al suo Consiglio di sicurezza che non c'erano "prospettive" per gli accordi di pace di Minsk del 2015 volti a risolvere il conflitto in Ucraina.

"Minaccia molto grande" per la Russia

E ha chiarito che la posta in gioco era più grande dell'Ucraina, i cui sforzi per entrare a far parte della NATO e dell'Unione Europea hanno fatto arrabbiare profondamente Mosca.

"L'uso dell'Ucraina come strumento di confronto con il nostro Paese rappresenta per noi una minaccia seria e molto grande", ha affermato Putin.

Il drammatico incontro - con Putin seduto da solo a una scrivania mentre il suo governo, i capi dell'esercito e della sicurezza si rivolgevano a lui a turno da un podio - è arrivato dopo settimane di tensioni tra Mosca e l'Occidente sull'Ucraina.

I leader occidentali avvertono che la Russia sta pianificando di invadere il suo vicino filo-occidentale dopo aver ammassato oltre 150.000 soldati ai suoi confini, un'affermazione che Mosca ha ripetutamente negato.

La tensione è aumentata negli ultimi giorni dopo lo scoppio di pesanti colpi di granata sulla prima linea orientale dell'Ucraina con i separatisti e una serie di incidenti segnalati al confine con la Russia.

Funzionari ucraini hanno detto che due soldati e un civile sono morti lunedì nei bombardamenti dei villaggi in prima linea.

In uno degli sviluppi potenzialmente più pericolosi, Mosca ha affermato - con furiose smentite a Kiev - che le sue forze avevano intercettato e ucciso cinque sabotatori ucraini che si erano infiltrati nel territorio russo e ha accusato l'Ucraina di bombardare un posto di frontiera.

Nelle ultime settimane, secondo l'intelligence statunitense, Mosca ha ammassato una forza d'invasione di truppe, carri armati, batterie missilistiche e navi da guerra attorno ai confini dell'Ucraina in Bielorussia, Russia, Crimea e Mar Nero.

Sfidando l'Occidente, Putin ordina truppe nelle regioni ribelli dell'Ucraina