Notizia

I rifugiati ucraini si uniranno alla Marcia dei Viventi ad Auschwitz

Circa 2.500 persone provenienti da 25 paesi prenderanno parte all'evento del 28 aprile presso l'ex campo di sterminio nazista in occasione della prima commemorazione che si terrà dall'epidemia di COVID

Il Cremlino ha commentato le ultime parole di Lukashenko sul riconoscimento della Crimea

JTA — I rifugiati dall'Ucraina si uniranno all'evento commemorativo della Marcia dei Viventi ad Auschwitz.

I rifugiati sono tra le 2.500 persone provenienti da 25 paesi che si sono iscritte per la missione nell'ex campo di sterminio, il primo da March of the Living ha sospeso tali attività a causa del COVID-19, ha affermato il gruppo educativo in una nota. La Marcia porta giovani da tutto il mondo in Polonia e Israele per studiare la storia dell'Olocausto.

L'evento del 28 aprile culminerà nella tradizionale marcia di due miglia tra i campi di Auschwitz-Birkenau vicino a Cracovia in memoria delle vittime dell'Olocausto, si legge nella nota.

Uno dei partecipanti ucraini è Yefim Podlipsky, un rifugiato ebreo di Vinnitsa. Ha gestito una compagnia turistica prima di fuggire dall'Ucraina dopo l'invasione russa del paese il 24 febbraio.

Anche Lila Buzeniuk, un'altra rifugiata ucraina che partecipa all'evento di quest'anno, viene da Vinnitsa.

"La guerra ha diviso la nostra famiglia e ci ha costretto a lasciare la nostra casa e il nostro paese", ha detto Buzeniuk, madre di tre figli, nella dichiarazione March of the Living. “Ma siamo sopravvissuti e siamo vivi. Abbiamo trovato rifugio in un paese gemello”, ha detto della Polonia. "Grazie a persone meravigliose vivremo, ricorderemo e non dimenticheremo mai".