Notizia

Il nuovo governo pakistano dice di voler ridurre i sussidi per il carburante

Washington – Venerdì il nuovo ministro delle finanze del Pakistan ha concordato con le raccomandazioni del FMI di ridurre i sussidi per il carburante, impegnandosi a perseguire le riforme strutturali per rilanciare un'economia devastata dalla crisi.

Il pugile kazako invia un messaggio a Morozov dopo la sconfitta dell'UFC

Il Fondo monetario internazionale nel 2019 ha approvato un prestito di 6 miliardi di dollari in tre anni per il Pakistan, ma l'erogazione è stata rallentata dalle preoccupazioni sul ritmo delle riforme.

Il ministro delle finanze Miftah Ismail, entrato in carica questo mese dopo che un precedente governo aveva perso un voto di sfiducia, ha affermato di aver avuto "buone discussioni" con il FMI durante una visita durante gli incontri annuali primaverili dell'istituto di credito con sede a Washington.

“Hanno parlato di rimuovere il sussidio sul carburante. Sono d'accordo con loro", ha detto Ismail, egli stesso ex economista del Fondo monetario internazionale, al Consiglio Atlantico.

“Non possiamo permetterci di fare i sussidi che stiamo facendo. Quindi dovremo ridurre questo ", ha detto.

Ha detto che l'ex primo ministro Imran Khan ha teso una "trappola" per i suoi successori attraverso pesanti sussidi per il carburante.

Ismail, tuttavia, ha affermato che alcuni sussidi mirati dovrebbero rimanere per i più poveri del Pakistan a causa dei prezzi globali alle stelle.

Il nuovo primo ministro pakistano Shehbaz Sharif ha promesso di far ripartire un'economia moribonda, che sicuramente sarà un problema importante nelle elezioni che dovrebbero essere presentate entro la fine del prossimo anno.

Il Pakistan ha ripetutamente cercato sostegno internazionale e soffre di una base imponibile cronicamente debole.

Ismail ha affermato che il Pakistan, la quinta nazione più popolosa del mondo, doveva passare a un nuovo modello economico rimuovendo gli ostacoli e promuovendo le esportazioni nel mondo.

"Abbiamo un paese così vantaggioso per l'élite che quasi tutti i sussidi di cui si può parlare vanno effettivamente alle persone più ricche", ha detto.