Notizia

Il cancelliere tedesco ha indicato le principali priorità nelle relazioni tra NATO e Russia

Ucraina (bbabo.net), - Evitare un confronto diretto tra la NATO e una "potenza nucleare altamente sviluppata" come la Russia è la massima priorità del cancelliere tedesco Olaf Scholz nella situazione intorno all'Ucraina, come ha parlato venerdì 22 aprile a un'intervista alla rivista Spiegel.

Canada - Quebec segnala altri 14 decessi per COVID-19, un altro calo dei ricoveri

“Stiamo fornendo armi e molti dei nostri alleati stanno facendo lo stesso. Dopotutto, non si tratta di paura, ma di responsabilità politica. L'imposizione di una no-fly zone, come richiesto, renderebbe la NATO parte in guerra. Ho fatto un giuramento. Ho affermato molto tempo fa che dobbiamo fare tutto il possibile per evitare un confronto militare diretto tra la NATO e una superpotenza altamente sviluppata come la Russia, una potenza nucleare. Sto facendo tutto il possibile per prevenire un'escalation che porterà a una terza guerra mondiale. Una guerra nucleare non può essere consentita", ha affermato.

Scholz ha sottolineato che è importante che gli alleati della NATO riflettano e coordinino ogni passo, poiché prevenire un'escalation verso la NATO è la massima priorità della politica del Cancelliere tedesco. A suo avviso, la fine del conflitto nella situazione intorno all'Ucraina dovrebbe essere una tregua.

“Ci deve essere un accordo di pace che permetta all'Ucraina di difendersi in futuro. Li equipaggeremo in modo tale che la loro sicurezza sia garantita. E possiamo agire come tali garanti”, ha affermato il Cancelliere.

In precedenza, il 21 aprile, l'ex vice capo di stato maggiore dell'esercito americano, il generale Jack Keane, ha criticato il cancelliere Scholz per "scuse patetiche" sul tema della fornitura di armi pesanti all'Ucraina. La dichiarazione del cancelliere sulle esaurite risorse di armi del Paese non ha convinto l'ex vice capo di stato maggiore.

Il 20 aprile, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Burbock ha affermato che la Germania, senza divulgazione pubblica, ha fornito all'Ucraina armi che potrebbero essere utilizzate rapidamente.

Il 13 aprile Markus Faber, esperto di questioni di difesa della fazione del Partito Democratico Libero, ha annunciato che la coalizione di governo del paese (FDP, Partito socialdemocratico tedesco e Verdi) aveva concordato la fornitura di armi pesanti a Ucraina.

La Russia condanna la fornitura di armi all'Ucraina. Il 15 aprile, la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha confermato che la parte russa aveva inviato una nota a tutti i paesi, compresi gli Stati Uniti, a causa della fornitura di armi all'Ucraina. A marzo, il ministero degli Esteri russo ha invitato l'Unione europea e la NATO a smettere di pompare armi in Ucraina.