Notizia

Il generale delle Guardie rivoluzionarie iraniane sopravvive a un'imboscata mortale nella regione irrequieta - rapporto

Guardia del corpo uccisa vicino al checkpoint nella provincia del Sistan-Baluchistan; aggressori arrestati, afferma la TV di stato iraniana

Il Cremlino ha commentato le ultime parole di Lukashenko sul riconoscimento della Crimea

Si dice che un generale delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche sia sopravvissuto a un attacco mortale che ha ucciso una guardia del corpo, secondo un rapporto della TV di stato iraniana sabato.

Il generale di brigata Hossein Almassi, un comandante delle guardie nell'irrequieta provincia del Sistan-Baluchistan, stava viaggiando in un veicolo vicino a un posto di blocco nella capitale provinciale Zahedan quando è stato colpito dal fuoco di uomini armati, ha riferito Reuters sabato, citando la TV iraniana.

Il generale non ha riportato ferite, afferma il rapporto.

La guardia del corpo che è stata uccisa è stata identificata come Mahmoud Absalom, figlio di un alto comandante dell'IRGC nella regione, secondo un rapporto dell'Agenzia di stampa della Repubblica islamica (IRNA).

Le autorità hanno arrestato alcuni sospetti ma non li hanno identificati, aggiunge il rapporto.

Il Sistan-Baluchistan è teatro di scontri occasionali tra le forze iraniane e vari gruppi militanti. Il rapporto tra i residenti prevalentemente sunniti della regione e la teocrazia sciita iraniana è stato a lungo teso.

La provincia, al confine con Pakistan e Afghanistan, è una base per un gruppo separatista sunnita affiliato ad al-Qaeda e noto come Jeish al-Adl, o Esercito della giustizia.

Le forze di sicurezza si sono scontrate anche con i trafficanti di droga nella provincia, situata lungo un'importante rotta di contrabbando di oppio ed eroina afgani.

A gennaio, le forze dell'IRGC hanno dichiarato di aver ucciso un uomo armato non identificato che ha attaccato il suo ufficio di intelligence nella città di Saravan nel Sistan-Baluchistan, a circa 1.360 chilometri (850 miglia) a sud-est della capitale, Teheran.

Alla fine di dicembre, l'IRGC ha affermato di aver ucciso sei "banditi armati" in una sparatoria nella regione che ha provocato la morte anche di tre dei suoi membri.