Società Notizia

Russia - Maria Lvova-Belova: Come sostenere una famiglia e un orfano in tempi difficili

Russia (bbabo.net), - Mercoledì 26 gennaio inizierà i suoi lavori il XVIII Congresso dei Commissari per i diritti dell'infanzia. Per due giorni, difensori civici per l'infanzia di tutto il Paese, ministri, esperti e funzionari discuteranno online dei problemi dell'istruzione moderna. Un disabile può diventare uno studente universitario? Dovrei aver paura dell'educazione digitale? Chi aiuterà un adolescente problematico oggi? Il difensore civico dei bambini Maria Lvova-Belova ha spiegato a quali domande risponderanno i partecipanti al congresso.

Grande delinquente

Maria Alekseevna, il Congresso dei Commissari offrirà l'opportunità di trovare risposte a domande che riguardano la società? L'incontro si svolgerà dal vivo?

Maria Lvova-Belova: speravo di incontrare di persona i commissari regionali, ma purtroppo la pandemia ha cambiato programma, il congresso si terrà online. Il tema sarà l'educazione.

E questo non è solo studio a scuola, relazioni tra coetanei, pasti caldi, club a prezzi accessibili, ma anche istruzione a prezzi accessibili per bambini con disabilità, orfani, insegnamento ai bambini che sono in cura a lungo termine negli ospedali, ecc. La qualità dell'istruzione determina il livello della vita futura del bambino, quindi abbiamo molte domande. Preparandoci all'incontro, si è proceduto dalle richieste delle Regioni.

Sembra che tutti abbiano gli stessi problemi, ma in ogni materia della Federazione Russa sono percepiti in modo molto diverso.

I commissari hanno preparato molte domande rivolte al ministro dell'Istruzione, al viceministro del ministero del Lavoro e della protezione sociale, nonché ai rappresentanti del ministero della Salute.

Maria Lvova-Belova: Uno dei temi più importanti del congresso saranno gli adolescenti e tutto ciò che li riguarda: specialisti nel lavoro con adolescenti difficili, bullismo a scuola, un'alternativa alle colonie per adolescenti delinquenti. Un progetto mediatico su larga scala sarà dedicato alla sicurezza dei bambini. Non ci sono figli di altre persone, la vita e la sicurezza del bambino spesso dipendono dalla nostra attenzione. La tragica storia di Kostroma ne è una vivida conferma.

Questa convenzione sarà diversa dalle precedenti?

Maria Lvova-Belova: Sì. Per noi è molto importante ascoltare la voce dei nostri figli e daremo loro la parola. Cosa si aspettano i bambini dall'istruzione? - i risultati delle indagini mostrano che le aspettative degli adulti e le aspettative dei bambini non coincidono per molti aspetti.

Sei noto per i tuoi progetti per i giovani con disabilità, i commissari discuteranno dei problemi dei bambini disabili e dei loro genitori?

Maria Lvova-Belova: dobbiamo sviluppare una tabella di marcia con infrastrutture e risorse per ogni famiglia che ha un figlio disabile. In modo che la famiglia capisca dove e cosa cercare (riabilitazione, cura, educazione, ecc.). Un altro tema importante per queste famiglie è la creazione di asili nido. Molte madri si lamentano di non avere un'opportunità elementare di uscire da qualche parte, perché non c'è nessuno con cui lasciare il bambino. Il centro diurno dovrebbe diventare non solo un luogo di ricerca di nuove connessioni sociali e di sviluppo del bambino, ma anche un'opportunità di tregua per la madre. Una madre esausta, incapace di far fronte alle difficoltà della vita, un padre che lascia la famiglia: tutto ciò chiaramente non contribuisce al benessere dei bambini. Ci sono anche storie molto tristi in cui i genitori non lo sopportano e mandano il figlio in un collegio. Per evitare che ciò accada, dobbiamo sostenere queste famiglie.

Recentemente, le organizzazioni comunitarie si sono unite come comunità per aiutare le famiglie in crisi.

Maria Lvova-Belova: discuteremo anche di questo argomento. Cosa bisogna fare affinché il bambino non finisca nelle istituzioni sociali? Come lavorare con i genitori alcol dipendenti? Ora stiamo dirigendo tutti i nostri sforzi in modo che se diventa necessario mandarli in un orfanotrofio, allora il bambino è temporaneamente lì e non "si blocca" nel sistema. Discuteremo anche il lavoro con le famiglie affidatarie, casi in cui è impossibile restituire un bambino a una famiglia natale.

In che modo la riunione sarà utile per i difensori civici regionali per l'infanzia?

Maria Lvova-Belova: ogni persona autorizzata riceverà una carta azione specifica per ogni direzione. Forse sono piccoli passi, ma se puntiamo a livello globale tutto può rimanere sulla carta. Ad esempio, il congresso discuterà l'irragionevole ricovero in ospedale dei bambini trascurati - bambini che rifiutano. Un bambino di famiglia disfunzionale o trovato per strada spesso finisce in ospedale. Poi iniziano gli scandali rumorosi. Ricorda la storia della ragazza che è stata trascinata dalla tata per i capelli. Possiamo ridurre il meccanismo per spostare i bambini da una famiglia a un'istituzione sociale. L'algoritmo è stato sviluppato, non funziona in tutte le regioni, e anche dove funziona, ci sono ancora casi in cui un bambino finisce in ospedale per molto tempo. Non sto parlando di come si sente nel momento in cui viene lasciato completamente solo in ospedale con tutte le sue esperienze e pensieri su un futuro incomprensibile. Pertanto, cercheremo di sviluppare passaggi specifici per evitare tali situazioni.

A Irkutsk, le maestre d'asilo hanno commesso un atto eroico: hanno ripreso un bambino di sei anni da un uomo che lo stava trascinando all'ingressoSi parlerà dell'educazione digitale, un argomento che la maggior parte dei genitori tratta, se non con paura, poi con evidente pregiudizio?

Maria Lvova-Belova: certo. Abbiamo avuto un'intera ondata di appelli su questo argomento. E sebbene il ministro dell'Istruzione Sergei Kravtsov abbia ripetutamente notato che non ci può essere dubbio che tutti gli studi passeranno necessariamente a un formato remoto, i genitori temevano ancora che l'ambiente educativo digitale riguardasse la distanza eterna. No, l'ambiente digitale riguarda una risorsa aggiuntiva dell'istruzione in generale, l'apprendimento a distanza come alternativa allo studio a tempo pieno durante una pandemia, l'opportunità per i bambini con disabilità in aree remote di ricevere un'istruzione, la possibilità di seguire ulteriori corsi in diverse aree.

Naturalmente, ci sono una serie di punti che preoccupano. Ad esempio, ci sono aspetti positivi e negativi nell'abolizione dei supporti cartacei e nell'uso delle pubblicazioni elettroniche da parte dei bambini. Posso vedere dai miei figli: portano zaini pesanti con un mucchio di libri di testo. Le pubblicazioni elettroniche semplificherebbero questo problema. Ma tutto ciò che riguarda la digitalizzazione ha pro e contro e devi affrontare questo argomento con molta attenzione. Un gran numero di esperienze genitoriali è associato ai dati personali degli scolari e alla mancanza di una loro protezione affidabile. Abbiamo dati dal Ministero dell'Interno su chat room nascoste inaccessibili a genitori e insegnanti, dove i bambini possono comunicare tra loro. Resta da vedere come e perché ciò avvenga.

Ed è necessario spiegare tutto ai genitori il più possibile: la mancanza di informazioni nella comunità dei genitori porta a una percezione aggressiva delle innovazioni. Pertanto, per noi è importante che il Ministero dell'Istruzione delinei l'intera gamma delle prossime riforme e chiarisca i punti difficili.

Molta indignazione nei genitori provoca un'istruzione aggiuntiva. Non tutte le famiglie possono sostenere il costo di cerchie e sezioni.

Maria Lvova-Belova: Nelle regioni vengono ora introdotti i certificati elettronici per pagare i circoli e le sezioni. Ma, sfortunatamente, comportano il pagamento da uno a un cerchio e mezzo e limitano le possibilità dei bambini. Un altro argomento di discussione è che il 30 per cento delle regioni ha una carenza di insegnanti di istruzione aggiuntivi.

Possiamo parlare all'infinito dei problemi della scuola moderna. Cosa provi per i tuoi figli?

Maria Lvova-Belova: Mi sembra che l'educazione moderna manchi di un approccio individuale. Dai miei figli, vedo che nel formato generale, la situazione del successo è spesso per loro inaccessibile. Ogni bambino ha i propri punti di forza che la scuola potrebbe giocare per motivare l'apprendimento e l'ulteriore sviluppo.

Un altro argomento delicato sono i pasti scolastici. Perché, in presenza del denaro federale e della partecipazione attiva proprio di tutti (organizzazioni pubbliche, comunità genitoriale, i bambini stessi), non è possibile sistemare finalmente tutto? Ogni regione è alla ricerca della propria soluzione, un sistema di controllo multilivello o uno standard di menu unico, ma continuiamo a ricevere regolarmente lamentele da scolari e genitori. Un argomento importante sono le relazioni nel team. Bullismo. A volte la comunità dei genitori dice: "Non c'è niente di sbagliato in questo", ma questo è l'approccio sbagliato. Il bullismo non avviene solo tra gli scolari. Di recente abbiamo analizzato un caso in cui un insegnante ha apertamente bullizzato un alunno di seconda media. Ma ci sono molti esempi di studenti che maltrattano gli insegnanti. Oggi si parla apertamente di bullismo. Ero all'inaugurazione del "Big Break" in "Artek" e ho visto l'esibizione di una studentessa che raccontava una storia personale di bullismo. Quando il moderatore ha chiesto alle persone colpite di alzare la mano, due terzi del pubblico hanno alzato la mano. Oggi i servizi di riconciliazione operano in alcune scuole, devono essere sviluppati attivamente. Durante l'incontro, discuteremo in dettaglio altri modi per prevenire il bullismo.

Di recente, nei telegiornali, stanno comparendo sempre più messaggi sui bambini morti per l'indifferenza dei loro concittadini. Un cittadino sovietico passerebbe davanti a un bambino che piange? Siamo diventati così disattenti l'uno verso l'altro?

Maria Lvova-Belova: non romanticizzerei una cittadina sovietica dicendo che allora la società era più attenta e più umana. Ricordiamo almeno l'orrore che è accaduto negli istituti chiusi per bambini. Leggi "Salty Childhood" di Sasha Gezalov sulla vita degli orfani in un orfanotrofio nei benedetti anni '70. Eravamo umani in quelle aree che erano accessibili e visibili. Oggi conosco molte situazioni in cui i nostri contemporanei riescono a prevenire una tragedia. A Irkutsk, due insegnanti d'asilo hanno commesso un atto eroico: hanno ripreso un bambino di sei anni da un uomo che lo stava trascinando all'ingresso. Ma, sfortunatamente, di questo non si parla particolarmente. Ogni mattina ricevo circa 80 messaggi sui social network da persone che considerano un dovere civico "mettere in evidenza" l'ingiustizia che hanno visto - qui la famiglia è stata offesa, lì la tutela non si è comportata così. E quanti volontari durante la pandemia hanno sostenuto chi non aveva dove aspettare per chiedere aiuto! La gente portava cibo ai soli, agli anziani, ai disabili, senza paura di ammalarsi. Siamo disattenti l'uno verso l'altro?Secondo i risultati di un'indagine sociologica, il 30 per cento dei russi ritiene che la qualità della conoscenza dei bambini normali diminuirà a causa dell'istruzione congiunta con bambini con disabilità. Siamo pronti per l'istruzione inclusiva?

Maria Lvova-Belova: c'è stato un periodo in cui i bambini con paralisi cerebrale erano considerati irraggiungibili. Ora vediamo che è possibile educare un bambino con qualsiasi malattia. Esistono programmi adattati, compresi quelli per bambini con grave ritardo mentale. Sempre più esempi di classi di risorse. Ci sono specialisti nel campo dell'educazione inclusiva. Ma non vediamo una continuazione dopo la scuola, né negli istituti di istruzione professionale, né in un'ulteriore occupazione. Stiamo sviluppando le terre vergini, e questo è un processo lungo, in cui si troveranno prima le piccole decisioni. Ma soprattutto, comprendiamo che l'educazione inclusiva deve essere sviluppata. Oggi la società sta cominciando lentamente ad abituarsi all'idea che i bambini con disabilità possano studiare insieme a tutti. Nell'ambito del nostro progetto "Guidare attraverso la vita", stiamo creando un consiglio di coordinamento, con l'aiuto del quale cercheremo di formare un quadro olistico dell'integrazione di questi bambini. Nella regione di Penza c'era una situazione in cui il bambino era pronto per studiare, ma l'università non era pronta ad accoglierlo.

Il bullismo non avviene solo tra gli scolari. Di recente, è stato analizzato un caso in cui un insegnante ha avvelenato apertamente un alunno di seconda media. Ma gli studenti avvelenano anche gli insegnanti

Com'è possibile?

Maria Lvova-Belova: E come portare un adulto su una sedia a rotelle in bagno se il bagno non è adatto a questo? Insieme al rettore dell'istituto, abbiamo scoperto se fosse possibile aumentare la porta, regolare l'altezza, mi scusi, del water. E la percezione tra pari? Viene, ma i compagni di classe non lo accettano. Abbiamo ideato "lezioni di comprensione" per rendere più facile agli studenti la comprensione dei bambini con disabilità. Un altro problema sono gli insegnanti che non chiedono a questi studenti per paura di metterli in imbarazzo. Uno di loro ha detto così: "Qui sviene, e poi ne sarò responsabile". E questa è un'università. E a scuola, i genitori con i loro stereotipi: "Perché mio figlio dovrebbe studiare con "lui", trasferirlo in una classe speciale. Le classi non vogliono spostarsi dal quarto piano al primo a causa di uno studente in sedia a rotelle: "Perché dovremmo farlo?" E tutto questo deve essere superato. Materiali metodici, spazio di studio, la nostra coscienza: tutto è progettato per garantire che non ci siano bambini disabili né nei college né nelle università. Ma il nostro compito è aprire loro una finestra su questo mondo.

Informazioni sulla motivazione

È difficile essere un attivista per i diritti umani dei bambini?

Maria Lvova-Belova: apprezzo molto che il presidente mi abbia affidato questa posizione. Quando fai ciò che ami, quando ti rendi conto che qualcosa sta gradualmente cambiando rispetto al lavoro della tua squadra, non pensi alle difficoltà. Pensa a cosa puoi fare qui e ora per cambiare il mondo in meglio.

Russia - Maria Lvova-Belova: Come sostenere una famiglia e un orfano in tempi difficili