Società Notizia

Il governo ha deciso di legare il bollo auto alla potenza del motore

Il forte aumento del prezzo delle auto nuove nel 2021 ha costretto il governo a pensare a una modifica della cosiddetta tassa sul lusso. Ora l'aumento della tassa è imposto sulle auto che costano più di 3 milioni di rubli nuove; ma a prezzi correnti, quasi la maggior parte delle auto straniere è al di sopra di questa soglia. E questo significa che dobbiamo alzare l'asticella. Ma nelle viscere del Ministero dell'Industria e del Commercio è nata un'idea alternativa: introdurre una tassa progressiva sui trasporti basata non sul costo, ma sulla potenza delle auto.

AIA esegue immediatamente uno schema di regolamento per 80 clienti Unit Link

Tre dipartimenti federali stanno lavorando a una nuova formula per la "tassa sul lusso" - più precisamente moltiplicando i coefficienti per la tassa sui trasporti - contemporaneamente: il Ministero dell'Industria e del Commercio, il Ministero delle Finanze e il Servizio fiscale federale. Come ha detto ai giornalisti il ​​Ministero dell'Industria e del Commercio, c'è una decisione di formare questi coefficienti non sulla base del prezzo di mercato (dove sono possibili discrepanze) - ma in base ai dati disponibili nel PTS delle auto. In particolare, nel calcolare questa tassa, dovrebbe utilizzare i dati sull'anno di produzione e sulla potenza dell'auto.

Ricordiamo che l'attuale scala dell'imposta progressiva sui trasporti funziona come segue: le auto iscritte dal Ministero dell'Industria e del Commercio nell'elenco “da 3 a 5 milioni di rubli” sono tassate con un coefficiente di 1,1 nei primi tre anni dalla data di emissione; quelle auto che, secondo il catalogo del ministero, costano dai 5 ai 10 milioni di rubli, sono tassate a doppia aliquota nei primi cinque anni dalla data di emissione. Per quanto riguarda le auto da 10 a 15 milioni di rubli, sono tassate a un'aliquota tripla nei primi 10 anni dalla data di emissione e valgono più di 15 milioni di rubli, a un'aliquota tripla nei primi 20 anni di vita. Questa procedura è in vigore dal 2014 (quando solo le auto premium costano davvero più di 3 milioni di rubli), l'elenco cambia ogni anno.

Secondo il capo del ministero dell'Industria e del Commercio Denis Manturov, la riforma del calcolo della tassa sul lusso è necessaria per raggiungere l'"equità" - e inoltre, ha aggiunto il ministero, si tratta di ridurre al minimo le situazioni di conflitto. Il fatto è che il documento chiave per il calcolo dell'imposta progressiva sui trasporti con il metodo attuale non è un atto legislativo, ma il registro dello stesso Ministero dell'Industria e del Commercio, cioè qualcosa di simile al catasto fondiario: il valore condizionale delle autovetture stabilito ai fini fiscali. Con la volatilità dei prezzi di mercato e l'elevata inflazione, questo metodo di calcolo può effettivamente diventare un terreno fertile per i conflitti.

Se il meccanismo della tassa sul lusso verrà davvero modificato, duplicherà in parte l'attuale sistema di tassazione sui trasporti: ricordiamo che è progressivo a seconda della potenza dell'auto. In ciascuna regione, le aliquote fiscali sono determinate in modo indipendente, ad esempio, a Mosca, al momento, auto con una capacità fino a 100 CV. tassato con un'aliquota di 12 rubli per cavallo, da 101 a 125 CV. - 25 rubli, da 126 a 150 CV - 35 rubli, da 151 a 175 CV - 45 rubli, da 176 a 200 CV - 50 rubli, da 201 a 225 CV - 65 rubli, da 226 a 250 CV - 75 rubli, oltre 250 CV - 150 rubli per cavallo.

Tuttavia, secondo le regole proposte, nell'equazione viene introdotto un altro parametro: l'età dell'auto. E qui tutto dipende dal fatto che l'aliquota fiscale sarà più bassa o più alta con l'età dell'auto. "Se, come è stato fatto ora, la tassa sul lusso sarà in vigore solo durante i primi anni di attività di un'auto, allora questa è una buona notizia per il mercato automobilistico", ha affermato Oleg Ilyasov, specialista nella valutazione delle auto usate. - Ciò significa che il vecchio premio - ad esempio più di 10 anni - sarà tassato in base al suo valore, cioè, grosso modo, un "secchio" e sarà tassato come un "secchio". È vero, la tassa sull'energia sarà ancora riscossa - questo già ora limita molti quando si acquista un premio usato. Ma se la tassa progredisce con l'età, allora il problema è per l'intero mercato dell'usato. Non ci sarà più scelta tra un nuovo runabout di credito e un vecchio lusso".

"Forse i legislatori dormono e provvedono a rimuovere dalle strade le auto da corsa decrepite e le jeep guidate da teppisti", pensa un impiegato della sede della polizia stradale della capitale. - Ma c'è una sfumatura: una tassa alta è ciò che spaventa i conducenti rispettosi della legge. Ce ne saranno davvero meno su vecchie auto potenti. Ma i teppisti, mentre guidavano - con numeri falsi, documenti falsi e colorazione sorda, - continueranno a guidare.

Gli autori del disegno di legge hanno davanti una messa a punto: quale potenza è considerata “di lusso”, quale età dell'auto è considerata “soglia” e in quale direzione. Da quali installazioni verranno scelte, dipende praticamente l'intera politica dei trasporti per i veicoli personali nel prossimo futuro. Diventerà chiaro: è stata intrapresa una strada per estromettere l'intera flotta "potente" di qualsiasi età dalle strade e dalle strade, o stiamo parlando solo della potenza di auto relativamente nuove in sostituzione del loro prezzo. Oppure, in generale, la tassa sull'“autolusso” viene lentamente abolita, perché in condizioni di inflazione galoppante non è ancora molto chiaro quali auto siano di lusso e quali mezzi di trasporto?

Il governo ha deciso di legare il bollo auto alla potenza del motore