Società Notizia

NTS scivola sulla carenza di valuta estera

Le sfide nell'ottenere valuta estera hanno visto National Tire Services (NTS) registrare un calo del volume delle vendite per i tre mesi fino a dicembre 2021, ha rivelato un funzionario dell'azienda.

Raid israeliano a Nablus palestinese: ucciso il comandante delle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa

Secondo l'aggiornamento commerciale del terzo trimestre della società pubblicato venerdì, i volumi periodo sono diminuiti del 29% rispetto all'anno precedente, poiché ha lottato per atterrare le azioni in tempo per le festività natalizie "a causa delle difficoltà nell'ottenere valuta estera adeguata".

Un totale di 8.931 pneumatici sono stati venduti durante il terzo trimestre fino al 31 dicembre 2021 contro 12.632 pneumatici venduti nel confronto dell'anno precedente.

Le società dello Zimbabwe fanno offerte per valuta estera sul sistema di aste gestite dalla Reserve Bank of Zimbabwe (RBZ), ma spesso non ottengono forniture adeguate poiché il sistema utilizza un elenco di priorità e assegna anche le offerte di successo su base proporzionale.

Ciò significa che alcuni requisiti in valuta estera da parte delle società offerenti non sono soddisfatti.

Le operazioni della Società sono state limitate dal rigido clima economico, dati gli effetti negativi della pandemia di Covid-19, l'aumento dell'inflazione e "valuta estera inadeguata per l'importazione di pneumatici", ha affermato il segretario della Società Stewart Mandimika.

Per aggravare la situazione, l'azienda ha dovuto anche fare i conti con interruzioni di alimentazione, che hanno avuto un impatto sulla produzione nei suoi stabilimenti di ricostruzione, "incidendo negativamente sui tempi di consegna standard dei clienti".

L'alimentazione elettrica nel paese è stata irregolare a causa dei continui guasti alla centrale termica di Hwange e delle interruzioni della produzione di energia nella centrale idroelettrica di Kariba per consentire la riparazione delle pareti della diga.

Tuttavia, nonostante le sfide, i volumi della ricostruzione e dei nuovi pneumatici hanno registrato una crescita positiva per i nove mesi fino al 31 dicembre 2021 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

I volumi di pneumatici nuovi per i nove mesi fino al 31 dicembre 2021 sono aumentati del 23% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il che ha rappresentato un progresso significativo in circostanze difficili, ha affermato Mandimika.

Ha aggiunto che i volumi di ricostruzione sono cresciuti del 2% da inizio anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, poiché la società ha implementato iniziative di marketing per supportare i clienti della ricostruzione durante il trimestre in esame nonostante un ambiente operativo difficile.

Commentando le prospettive, Mandimika ha affermato che le aree chiave da tenere d'occhio, per garantire la continua redditività dell'attività, saranno il controllo dei costi, una catena di approvvigionamento ininterrotta e l'evitare la perdita di capitale contro le pressioni inflazionistiche.

"Si spera che la piattaforma di aste di valuta estera cresca ulteriormente per soddisfare le esigenze del settore", ha affermato Mandimika.

NTS scivola sulla carenza di valuta estera