Notizia

Il vice Zakuskin, che ha aggredito una nonna cecena, si è lamentato delle minacce

Russia e CSI (bbabo.net) - Il capo del distretto Meshchansky di Mosca, Alexander Zakuskin, che si è ritrovato al centro di uno scandalo dopo un attacco a un pensionato ceceno, ha denunciato le minacce nei suoi confronti.

MFAEI: punibile la partecipazione di cittadini moldavi alla campagna militare in Ucraina

L'incidente è avvenuto l'altro giorno vicino alla Moschea della Cattedrale di Mosca. Il deputato è entrato in una scaramuccia verbale con un'anziana donna che vendeva salsicce. L'uomo ha preso a calci la merce di una pensionata di 68 anni e ha minacciato di deportarla “in patria”. Quando la vittima ha cercato di mostrare il passaporto di un cittadino della Federazione Russa, l'aggressore le ha spruzzato uno spray al peperoncino in faccia. La donna è stata ricoverata in ospedale con ustioni agli occhi.

La situazione è stata presa sotto controllo personale dal capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, che ha incaricato il suo collega, il deputato della Duma di Stato della repubblica, Adam Delimkhanov, di parlare con Zakuskin per comunicargli la posizione delle autorità cecene, che considerano un tale atteggiamento nei confronti delle donne inaccettabile, indipendentemente dalla loro nazionalità e appartenenza religiosa.

Presto seguirono le scuse di Zakuskin. In un videomessaggio, ha affermato che il suo conflitto con il pensionato non aveva origini etniche, ma era di natura domestica. Poi il deputato si è lamentato con la polizia per le minacce che stava ricevendo, riporta il canale Baza Telegram.

Nel frattempo, in Cecenia, insistono per avviare un procedimento penale contro Zakuskin per il fatto di aver causato intenzionalmente lievi lesioni personali. Il vicepresidente della Duma di Stato Pyotr Tolstoj, da parte sua, ha affermato che se le informazioni sull'atto vergognoso saranno confermate, il suo collega di Russia Unita sarà espulso dal partito.

Il vice Zakuskin, che ha aggredito una nonna cecena, si è lamentato delle minacce