Società Notizia

Gli epilettici rimangono stigmatizzati, le loro medicine scarseggiano, genitori e medici si lamentano

14 febbraio (bbabo.net) - Gli epilettici restano stigmatizzati al giorno d'oggi e i farmaci contro la malattia scarseggiano, secondo i genitori di bambini affetti da epilessia e i medici attivi nel trattamento del disturbo, intervistati in occasione della Giornata internazionale dell'epilessia. Diciassette farmaci per l'epilessia sono scomparsi dal mercato bulgaro negli ultimi anni, ha affermato Veska Sabeva, presidente dell'Associazione dei genitori di bambini con epilessia (APCE).

Il leader di Salomone rivendica la neutralità all'ONU ma difende i legami con la Cina

Petya Dimova, presidente della Società bulgara per l'epilessia (BES), ha affermato che ci sono ancora grossi problemi legati all'accessibilità a molti farmaci. Il trattamento dell'epilessia autoimmune è ostacolato dalla sua assenza dagli elenchi di malattie autoimmuni, malattie rare o epilessie. I pazienti affetti da epilessia autoimmune devono pagare i loro farmaci poiché i costi non sono coperti dall'assicurazione sanitaria, ha affermato Dimova.

Uno su tre epilettici soffre di forme gravi della malattia. Il commercio non regolamentato di tali medicinali continua e in alcuni casi i medicinali salvano la vita, ha affermato.

L'eurodeputata Tsvetelina Penkova ha affermato che le sfide non sono solo mediche ma anche sociali. La Giornata internazionale dell'epilessia offre un'occasione per sensibilizzare l'opinione pubblica e vedere come ogni membro della società può aiutare, ha aggiunto Penkova.

Ha osservato che un centro dell'UE per l'accessibilità, che sarà costruito entro il 2030, consentirà di organizzare campagne di sensibilizzazione a livello dell'UE e fornirà un migliore accesso agli edifici, ai servizi e alle attività sociali per gli epilettici.

Il viceministro della sanità Peter Gribnev ha chiesto a BES e APCE di inviare le loro proposte per iscritto.

Gli epilettici rimangono stigmatizzati, le loro medicine scarseggiano, genitori e medici si lamentano